La Bitcoin Mining è ancora considerata un lavoro costante?

Le notizie di una società nota come Core Scientific sono emerse nelle ultime notizie. L’impresa sta cercando di espandere le sue attività minerarie di bitcoin in tutti gli Stati Uniti. Mentre la società ha ufficialmente sede a Bellevue, Washington, l’azienda ha anche aperto stazioni in diversi stati del Midwest e del sud, tra cui North Carolina, Kentucky e Georgia, e non prevede di fermarsi a breve.

Bitcoin Mining tiene ancora Sway?

Il fatto che tutto questo stia accadendo negli Stati Uniti è certamente positivo. Per prima cosa, l’industria mineraria Bitcoin alla fine ha avuto il suo inizio in America. Tuttavia, da allora l’attività è cresciuta in regioni come la Cina – con la creazione di aziende come Bitmain e Canaan Creative – e le parti orientali dell’Europa, e di conseguenza, gli Stati Uniti sono un po‘ in ritardo in questo dipartimento.

Pertanto, Core Scientific potrebbe potenzialmente riportare la pratica dell’estrazione mineraria del bitcoin alle sue basi e tornare a formarsi, con l’America nel ruolo centrale di cui godeva molti anni fa. Questo potrebbe potenzialmente aiutare gli Stati Uniti a tornare in cima e ad affermarsi come un hub primario di crittovaluta, cosa che non sembra essere il caso al momento della stampa, considerando quante normative non ancora consolidate serpeggiano ancora negli uffici legislativi del paese.

Inoltre, il bitcoin minerario è abbastanza redditizio al momento di scrivere. Nonostante alcuni dossi lungo la strada durante la scorsa settimana, un bitcoin vale quasi 19.000 dollari. Le ricompense di un minatore di bitcoin sono state infine ridotte a circa 6,25 a maggio, dopo il terzo dimezzamento del bitcoin, ma si tratta comunque di un profitto di oltre 100.000 dollari per ogni blocco prodotto. Quindi, se si estrae il bitcoin, si può fare dannatamente bene se si ha pazienza e ci si attiene ad esso.

Senza dubbio le prospettive dell’estrazione del bitcoin negli Stati Uniti – o in qualsiasi altro posto, se è per questo – sono promettenti. Tuttavia, c’è un problema importante di cui nessuno sembra parlare, e cioè che non sono rimasti molti bitcoin.

Un processo più lento

Allo stato attuale, sono già stati estratti più di 18,5 milioni di bitcoin su 21 milioni di bitcoin del mondo. Ne restano solo poco più di due milioni. All’inizio può sembrare un numero elevato, ma il fatto è che quei 18 milioni di cui si è parlato inizialmente sono stati estratti in un arco di tempo di circa dieci anni.

Mentre il bitcoin finale non sarà estratto fino all’anno 2140 – più di 100 anni da oggi – l’idea che solo 2,5 milioni e mezzo di BTC in più saranno estratti durante questo periodo prolungato suggerisce che il processo di estrazione è diventato incredibilmente lento negli ultimi anni, quindi potete immaginare quanto tempo ci vorrà per estrarre un intero blocco. Si possono ancora fare soldi, ma c’è la possibilità che non sia stabile, e potrebbe essere necessario un po‘ di tempo per accumulare davvero i fondi necessari per mantenere in piedi un’operazione.

Dieser Beitrag wurde unter Cash, problema veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.